Terzo responsabile

Terzo responsabile

L'esercizio e la manutenzione degli impianti termici sono generalmente affidati al proprietario, o per esso a un terzo avente determinati requisiti. Nasce così la figura del terzo responsabile, nel momento in cui un privato, un amministratore, un'azienda o comunque il proprietario dell'impianto termico non se la sente di prendersi le responsabilità relativamente al proprio impianto.

Al terzo responsabile sono affidate la manutenzione e la conduzione della centrale termica e, nel caso di cattiva conduzione, i decreti attuativi della legge 10, DPR 412 e 551, prevedono sia sanzioni civili sia penali, in base alla tipologia del "problema".

Il terzo responsabile è un soggetto che deve essere in possesso di determinate capacità tecniche, economiche e organizzative; è unico, per quel che riguarda l'esercizio, la manutenzione ordinaria e quella straordinaria di un impianto. Non è possibile cioè attribuire queste tre differenti funzioni a soggetti diversi.

Per impianto individuale si intende sia quello relativo ai fabbricati unifamiliari, sia quello delle cosiddette caldaie autonome da appartamento. Il responsabile dell'impianto è l'occupante a qualsiasi titolo (proprietario o inquilino) dell'alloggio e risponde per legge dell'impianto termico a lui affidato e della sicurezza. Deve inoltre rispettare il periodo annuale e l'orario di esercizio e mantenere il limite della temperatura ambiente (20° C + 2° C di tolleranza).

Il responsabile può delegare un "terzo responsabile", cioè un'impresa o un tecnico qualificato e abilitato iscritti negli elenchi professionali o di categoria e rispondenti a requisiti di idonea competenza tecnica. La legge impone al responsabile di un impianto termico di potenza inferiore ai 35 KW l'obbligo di far eseguire una manutenzione ogni anno e un'analisi di combustione ogni due anni.

Per quanto riguarda l'esercizio e la manutenzione degli impianti dotati di centrale termica, il responsabile può essere: l'amministratore (nel caso di proprietà condominiali); il proprietario dello stabile (se non esiste l'amministratore); un terzo responsabile da essi delegato.

Share by: